Webinar CNA Imola, Parole d’ordine: riforme, fisco più leggero e meno burocrazia.

Webinar “Economia, Lavoro e Sicurezza: sostegno, sviluppo e innovazione in Emilia Romagna”

Una crisi senza precedenti, che impone di abbandonare vecchi modelli e paradigmi e di avviare un percorso virtuoso di collaborazione tra associazioni e istituzioni. Parole d’ordine:  riforme, fisco più leggero e meno burocrazia.

Sono alcuni degli spunti nati nel corso dell’iniziativa organizzata da CNA Imola, all’incontro, che si è svolto online, hanno partecipato il Segretario Generale CNA Sergio Silvestrini, il Presidente della Regione Emilia Romagna, Stefano Bonaccini, la presidente della V Commissione regionale, Francesca Marchetti ed i rappresentanti di tutte le Forze dell’ordine del Circondario Imolese. Padroni di casa, Paolo Cavini e Ornella Bova, presidente e direttore di CNA Imola.

Il direttore Bova nella sua introduzione ha ricordato come: ” Abbiamo voluto mantenere il nostro annuale appuntamento con le imprese anche se ci siamo trovati nella necessità di incontrarci in webinar per le misure restrittive, l’emergenza sanitaria ci ha travolto, ha travolto le imprese che si sono trovate smarrite e noi e loro abbiamo dovuto imparare relazionarci in modo diverso. Oggi siamo in fase 2 e le imprese sono più preoccupate per i protocolli stringenti, nuovi modelli organizzativi da attuare. Siamo di fronte a nuovi paradigmi occorre riorganizzare processi interni ed esterni. La formazione dei nostri imprenditori è necessaria per poter affrontare la nuova fase di transizione”.
Il presidente di CNA Imola, Paolo Cavini, ha ricordato come oggi le imprese si trovino in una situazione complicata: “minor produttività, minori guadagni, maggiori costi, avranno sin forte impatto soprattutto sulle imprese di piccole dimensioni, quelle che noi rappresentiamo. Ecco allora che il mondo della rappresentanza deve mettere in atto sistemi e soluzioni per non perdere pezzi importanti del mondo imprenditoriale. A partire dal credito, rafforzando i consorzi di garanzia”. Meno burocrazia, più innovazione, formazione e rappresentanza.

Come ha ricordato il Presidente Regione E.R. Stefano Bonaccini, “ l’unione delle forze del mondo della rappresentanza e delle istituzioni possono fare la differenza Le piccole e medie imprese sono pilastri del sistema economico della nostra regione e stiamo lavorando insieme affinché si trovino misure e soluzioni adeguate per ripartire dopo questa drammatica pandemia. Non sarà facile ma sono sicuro ci rialzeremo: accesso al credito, semplificazione, riduzione imposte e straordinario piano investimenti. Queste le priorità.”

”Va messo in piedi il più importante processo di efficientamento del Paese della storia repubblicana. Un processo di sburocratizzazione, di messa in agilità di un Paese che ha potenzialità inespresse e che non cresce da vent’anni. Noi siamo a disposizione con tutte le nostre idee e capacità, come CNA, per dare al paese questo tipo di risposta”. Così Sergio Silvestrini, Segretario Generale CNA, che sull’Europa ricorda: “Speriamo che a questo punto sappia fare l’Europa: è la sua ultima grande occasione”.

CNA ha ribadito la necessità di metter mano a tutte le grandi riforme, che sono a costo zero e sarebbero altamente efficaci e efficienti. Una su tutte: quella per semplificare la burocrazia.

Un appello raccolto dal presidente della Regione Emilia Romagna, Stefano Bonaccini: “La Fase 2 presuppone una ripartenza progressiva, con grande equilibrio ed efficacia”. Le imprese hanno bisogno di liquidità, ha riconosciuto Bonaccini, per far fronte alle spese correnti, ma c’è bisogno anche di una visione, di far ripartire gli investimenti. Una visione prospettica che si fonda proprio su “quel Piano Marshall che CNA è disposta a fare”. Gli strumenti sono quelli di garanzia e mutualità per le imprese, e soprattutto “i grandi investimenti, a partire dai fondi europei di programmazione per il 2021-2027, oltre ad aver chiesto di poter avere accesso ai fondi delle precedenti programmazioni, inutilizzati.

Preziosi sono stati anche i contributi del dr. Michele Pascarella Primo Dirigente del Commissariato di Imola, del Capitano Andrea Oxilia Comandante Compagnia Carabinieri, del capitano Giacomo Costantini Comandante della Guardia di finanza e del Vicecomandante Polizia Locale Stefano Bolognesi, che da un lato hanno testimoniato la forte coesione tra di loro che gli ha consentito  di lavorare in modo sinergico e, dall’altro, come anche grazie alla collaborazione con CNA Imola le  associazioni e le istituzioni sia stato possibile fare fronte comune nel risolvere situazioni contingenti ed imprevedibili. Hanno inoltre rimarcato come il nostro territorio abbia saputo rispondere egregiamente ad una sfida complessa dimostrando di avere al suo interno gli anticorpi e le forze per elaborare assieme un nuovo futuro.